Vista di Capri
Benvenuti sul sito web dell'Ambasciata d'Italia ad Assunzione
Foto dell'Ambasciata d'Italia a Assunzione

Ambasciata d'Italia ad Assunzione

Calle Quesada, 5871 c/ Belgica
Asuncion - Paraguay
Tel. +595 21 615620/1
Fax +595 21 615622
orari: 9:00 a 12:00 (lun/gio)
 

 

. 

18 febbraio 2016

REFERENDUM POPOLARE ABROGATIVO 17 APRILE 2016

(REFERENDUM TRIVELLE)

 

Sciogliendo le riserve di cui al precedente COMUNICATO INFORMATIVO, si riporta qui di seguito il seguente nuovo AVVISO:

1 - ELETTORI RESIDENTI ALL’ESTERO – OPZIONE

ENTRO IL 26 FEBBRAIO p.v. l’elettore residente (AIRE) all’estero potrà esercitare l’opzione per il voto IN ITALIA facendo pervenire la relativa comunicazione scritta alla Rappresentanza diplomatico-consolare competente per residenza. In mancanza, tali elettori – purché correttamente registrati e in possesso dell’elettorato attivo – riceveranno il plico elettorale all’indirizzo risultante nell’elenco elettorale.

Per quanto riguarda la forma e il contenuto dell’opzione, si rinvia alla consultazione del precedente comunicato informativo.

Gli elettori residenti all’estero che non avranno fatto pervenire la comunicazione di opzione entro il 26 febbraio p.v. non potranno votare in Italia.

Si ricorda che, ai sensi dell’art. 4, comma 5, del D.P.R. 2 aprile 2003, n. 104, è onere dell’elettore accertare l’avvenuta ricezione dell’opzione, qualora inviata per posta, da parte dell’ufficio consolare che, su richiesta, ne rilascia apposita certificazione.

Sempre a seguito di quanto già indicato nel precedente COMUNICATO, si precisa quanto segue:

2 – ELETTORI TEMPORANEAMENTE ALL’ESTERO – OPZIONE

Gli elettori cd. “temporanei” potranno richiedere di essere ammessi al voto per corrispondenza nel luogo di temporanea dimora all’estero; costoro dovranno far pervenire AL COMUNE DI ISCRIZIONE nelle liste elettorali l’opzione entro il medesimo termine del 26 FEBBRAIO.

La legge stabilisce in modo univoco e inequivoco che l’elettore deve manifestarsi DIRETTAMENTE con il Comune di appartenenza; gli uffici consolari non possono per legge accettare tali istanza.

Infine, sciogliendo la riserva si fornisce qui di seguito il testo di un modello di opzione che potrebbe essere utilizzato dagli elettori temporaneamente all’estero (l’uso del predetto modello NON è comunque obbligatorio).

REFERENDUM 17APRILE 2016 Referendum_popolare_del_17_aprile_2016___Modulo_di_opzione_per_iscritti_AIRE_voto_in_Italia

Modello Opzione Voto                   

 

. 

16 febbraio 2016

                           COMUNICATO INFORMATIVO

1. Con decisione del Consiglio dei Ministri adottata il 10 febbraio è stata

determinata la data del 17 aprile 2016 per il REFERENDUM ABROGATIVO

della norma che prevede che i permessi e le concessioni a esplorazioni e

trivellazioni dei giacimenti di idrocarburi entro dodici miglia dalla costa

abbiano la "durata della vita utile del giacimento” (referendum popolare per

l’abrogazione del comma 17, terzo periodo, dell’art. 6 del decreto legislativo 3

aprile 2006, n. 152 [Norme in materia ambientale], come sostituito dal comma

239 dell’art. 1 della legge 28 dicembre 2015, n. 208 [Disposizioni per la

formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato − legge di stabilità

2016], limitatamente alle seguenti parole: «per la durata di vita utile del

giacimento, nel rispetto degli standard di sicurezza e di salvaguardia

ambientale»).

2. ELETTORI RESIDENTI ALL’ESTERO ED ISCRITTI ALL’AIRE

Gli elettori residenti all’estero ed iscritti nell’AIRE (Anagrafe degli Italiani

Residenti all’Estero) riceveranno come di consueto il plico elettorale al loro

domicilio. Si ricorda che è onere del cittadino mantenere aggiornato il

Consolato circa il proprio indirizzo di residenza. Chi invece, essendo residente

stabilmente all’estero, intende votare in Italia, dovrà far pervenire al consolato

competente per residenza un’apposita dichiarazione su carta libera che riporti:

nome, cognome, data e luogo di nascita, luogo di residenza, indicazione del

comune italiano d'iscrizione all'anagrafe degli italiani residenti all'estero,

l'indicazione della consultazione per la quale l'elettore intende esercitare

l'opzione. La dichiarazione deve essere datata e firmata dall'elettore e

accompagnata da fotocopia di un documento di identità del richiedente, e può

essere inviata per posta, per telefax, per posta elettronica anche non certificata,

oppure fatta pervenire a mano al Consolato anche tramite persona diversa

dall’interessato ENTRO I DIECI GIORNI SUCCESSIVI ALLA DATA DI

PUBBLICAZIONE DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA

REPUBBLICA DI CONVOCAZIONE DEI COMIZI ELETTORALI (con

possibilità di revoca entro lo stesso termine). Si fa riserva di comunicare la

data di scadenza non appena sarà pubblicato il Decreto di indizione.

3. ELETTORI TEMPORANEAMENTE ALL’ESTERO (MINIMO TRE MESI)

A partire dalle consultazioni referendarie del 17 aprile 2016 gli elettori italiani

che per motivi di lavoro, studio o cure mediche si trovano temporaneamente

all’estero per un periodo di almeno tre mesi nel quale ricade la data di

svolgimento della consultazione elettorale, nonché i familiari con loro

conviventi, potranno partecipare al voto per corrispondenza organizzato dagli

uffici consolari italiani (legge 459 del 27 dicembre 2001, quale modificata

dalla legge 6 maggio 2015, n. 52).

Tali elettori che intendano partecipare al voto dovranno far pervenire AL

COMUNE d’iscrizione nelle liste elettorali ENTRO I DIECI GIORNI

SUCCESSIVI ALLA DATA DI PUBBLICAZIONE DEL DECRETO DEL

PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA DI CONVOCAZIONE DEI COMIZI

ELETTORALI (con possibilità di revoca entro lo stesso termine) una

OPZIONE VALIDA PER UN’UNICA CONSULTAZIONE. Si fa riserva di

comunicare la data di scadenza non appena sarà pubblicato il Decreto di

indizione.

L’opzione può essere inviata per posta, per telefax, per posta elettronica anche

non certificata, oppure fatta pervenire a mano al comune anche da persona

diversa dall’interessato (nel sito www.indicepa.gov.it sono reperibili gli

indirizzi di posta elettronica certificata dei comuni italiani).

La dichiarazione di opzione, redatta su carta libera e obbligatoriamente

corredata di copia di documento d’identità valido dell’elettore, deve in ogni

caso contenere l’indirizzo postale estero cui va inviato il plico elettorale,

l’indicazione dell’ufficio consolare (Consolato o Ambasciata) competente per

territorio e una dichiarazione attestante il possesso dei requisiti per

l’ammissione al voto per corrispondenza (trovarsi per motivi di lavoro, studio o

cure mediche in un Paese estero in cui non si è anagraficamente residenti per

un periodo di almeno tre mesi nel quale ricade la data di svolgimento della

consultazione elettorale; oppure, essere familiare convivente di un cittadino

che si trova nelle predette condizioni [comma 1 dell’art. 4-bis della citata L.

459/2001]). La dichiarazione va resa ai sensi degli articoli 46 e 47 del decreto

del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445 (testo unico delle

disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione

amministrativa), dichiarandosi consapevoli delle conseguenze penali in caso di

dichiarazioni mendaci (art. 76 del citato DPR 445/2000).

Si fa riserva di fornire un apposito modello di opzione che potrebbe essere

utilizzato dagli elettori temporaneamente all’estero che intendono ivi esprimere

il voto per corrispondenza, non appena disponibile.

Assunzione, 12 febbraio 2016

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

.

Il Ministero dell'Economia e delle Finanze, al fine di promuovere presso il pubblico internazionale la conoscenza dei progressi compiuti dall'Italia per uscire dalla lunga crisi economica degli ultimi anni, ha affiancato alle attivita' svolte personalmente dal Ministro e dai dirigenti del Ministero la produzione di una serie di brevi video, facilmente fruibili anche su smartphone e altri dispositivi mobili. 

Il 10 Novembre u.s. e' stato diffuso il primo video della serie dal titolo "Beyond the clouds, #Italyisback", dedicato alla ripresa e alla strategia economica del Governo, illustrata dal Ministro Pier Carlo Padoan.https://www.youtube.com/channel/UCd_IYYK1S1VCxRFcROegCxw 

 

 

 

 

.

 

Pugliesi nel Mondo

Allegato 1

Allegato 2

 

 

 

 

 

 

 

MESSAGGIO PER LE CELEBRAZIONI DEL 59°ANNIVERSARIO DELLA TRAGEDIA DI MARCINELLE.

L’8 agosto si ricorda la “Giornata nazionale del sacrificio del lavoro italiano nel mondo”, rendendo così indelebile, nella memoria del nostro Paese, la commemorazione dei 136 italiani che persero la vita a Marcinelle, così come di tutti gli italiani emigrati vittime di incidenti sul lavoro.

La commemorazione dei nostri connazionali caduti sul lavoro ripropone la centralità del lavoro quale motore insostituibile della vita di ogni singolo individuo: la nostra Costituzione, sin dal primo articolo, fa del lavoro un principio cardine del nostro sistema sociale e fondamento stesso della Repubblica.

L’attuale contesto economico europeo e le difficoltà vissute in questi anni dal progetto di integrazione rendono oggi il lavoro e la promozione dell’occupazione una sfida fondamentale a cui Stati membri e Istituzioni comunitarie non possono sottrarsi.  La tragedia di Marcinelle deve ricordare a tutte le Istituzioni, nazionali ed europee, che l’impegno comune per garantire a tutti i cittadini del continente migliori opportunità di lavoro e garanzie di sicurezza resta un obiettivo irrinunciabile del nostro sistema politico-economico.

Il ricordo di Marcinelle, tragedia del lavoro, ci fa inevitabilmente pensare al grande dramma dei nostri giorni, quello dei migranti nel Mediterraneo, spinti come i nostri emigranti dalla ricerca di un futuro migliore lontano dalle proprie radici, dalla propria casa, dai propri affetti. Anche in questo caso l’Europa è chiamata a dare una risposta comune ad un fenomeno che non può e non deve essere motivo di divisione, e contrasto, ma deve trasformarsi in un momento di riflessione che ci consenta di riaffermare l’autentico spirito di condivisione alla base dell’avvio del processo di integrazione europea.

Il dolore e la commozione non possono però farci dimenticare l’ammirazione per le nostre comunità all’estero, da sempre capaci di rialzarsi con coraggio, anche dopo tragedie come quella di Marcinelle: esse sono state e sono esempio di tenacia, operosità e onestà nei Paesi ospiti e sono motivo di orgoglio per tutti noi.

Paolo Gentiloni

 

 

 

 

 

Giornata della Giustizia Penale Internazionale

 

Link per accedere al n. 5 della pubblicazione “Diplomazia Economica Italiana”, dedicato interamente alla Expo Milano 2015

 

 

.  Accordi

 

.  Opuscolo Attività AIAL

 

 

 

 

“ROMUN2015 – La Model delle Idee”

 

La Sociedad Italiana para la Organización Internacional  (SIOI – UN Association for Italy), junto con las Misiones Diplomáticas de los Estados Unidos en Italia, ha lanzado una nueva edición de la “ROMUN” (Rome Model United Nations) que tendrá lugar en Roma del 16 al 20 de octubre de 2015.

Se denomina “ROMUN2015 – La Model delle Idee”, en cuanto representa un llamado a sumar ideas y proyectos con el objetivo  de reflejar las reflexiones de los participantes en un “Youth Road Map”, un documento sobre las Metas de Desarrollo Sustentable. La edición iniciará con una ceremonia  en la sede de la FAO, el viernes 16 de octubre, y finalizará con una visita de los participantes al sitio de “EXPO Milán 2015”.

Por cinco días más de 500 jóvenes provenientes de todos los lugares del mundo dirán “no” a los principales factores de crisis que en estos años han angustiado a la Tierra, activándose, al mismo tiempo, por un mundo más equitativo, seguro y sustentable, así como lo muestra el video oficial de la “ROMUN2015”. (https://www.youtube.com/watch?v=L33Og5YtsY8&feature=youtu.be )

“ROMUN2015” será un momento de elevado valor simbólico para el compromiso de Italia dentro de los Organismos Internacionales, celebrándose este año no solamente el Septuagésimo Aniversario de la creación de las Naciones Unidas, sino también el Sexagésimo Aniversario del ingreso de nuestro país en la ONU. Será, entonces, una ocasión formativa y al mismo tiempo de comparación abierta y de discusión activa y concreta acerca del fortalecimiento de las políticas para la paz, la protección de los derechos humanos, la innovación y el desarrollo sustentable.

“ROMUN2015” es un evento respaldado por: Ministerio de Asuntos Exteriores y de Cooperación Internacional, EXPO Milán 2015, Agencias ONU presentes en Roma (FAO, WFP e IFAD) y numerosas Universidades Italianas.

Todas las informaciones acerca del evento se encuentran en el sitio oficial de “ROMUN2015” www.romunsioi.org

 

 

 

Preiscrizioni anno 2015/2016

 

 

.

Ciclo de Cine Europeo 2015

 

 

 

.

Bando Borse di Studio 2015/2016

 

 

 

 

.

Decreto Interministeriale n. 4461/2012

Scuole Italiane all'Estero

 

 

 

Brochure Origini Italia

Application Form Origini

 

Information Form Origini

Origini Italia Rules

 


www.partecipa.gov.it e www.pariopportunita.gov.it - le linee di azione contenute nel " Piano d'azione straordinario contro la violenza sessuale e di genere"

INFORMAZIONI DI CARATTERE TURISTICO

PARAGUAY CRESCE SULLA SCIA DEL BRASILE


La Regione Veneto ha lanciato la piattaforma multimediale “Mondo Veneto”, mirata a promuovere e consolidare le relazioni culturali, economiche e commerciali tra i corregionali residenti in Veneto e quelli emigrati all'estero. L'indirizzo mail del portale è:

                                               

                                                                AVVISO ALL’UTENZA

          L’Ambasciata d’Italia a Assunzione informa che con il decreto-legge 24 aprile 2014, n.66  a decorrere dal 8 luglio 2014  sono state apportate le seguenti modifiche alla Tabella dei diritti consolari:

 

1)                      INTRODUZIONE DI UN CONTRIBUTO PER LA TRATTAZIONE DELLA DOMANDA DI RICONOSCIMENTO DELLA CITTADINANZA ITALIANA:

          All’atto della presentazione della domanda di riconoscimento della cittadinanza italiana dovrà essere corrisposto il controvalore in valuta locale di Euro 300 (trecento), calcolato in base al tasso di ragguaglio consolare in vigore nel periodo.

 

          Detto ammontare rappresenta un contributo dovuto solo per la trattazione della pratica e quindi non assicura, ne’ da diritto al riconoscimento della cittadinanza. Va corrisposto all’atto della presentazione della pratica anche se quest’ultima dovesse risultare incompleta. Indipendentemente dall’esito della richiesta, la somma sopra indicata non verrà restituita.

 

          Sono tenuti al pagamento della somma suddetta tutti i soggetti maggiori di anni 18 che chiedano per se’ il riconoscimento della cittadinanza italiana iure sanguinis e iure matrimonii, quest’ultimo in caso di straniera coniugata con italiano prima del 24.04.1983.

 

2)      PER LE ISTANZE FINALIZZATE ALL’ELEZIONE, ACQUISTO, RIACQUISTO E CONCESSIONE DELLA CITTADINANZA ITALIANA (ART.9 BIS DELLA LEGGE 91/1992):          

 

         Resta invariato il pagamento di un contributo (in valuta locale) equivalente alla somma di Euro 200.

 

          Le pratiche relative a minori di anni 18, a qualsiasi titolo, restano esonerate dal pagamento del contributo in esame.

3)       INTRODUZIONE DI UN CONTRIBUTO AMMINISTRATIVO PER IL RILASCIO DEL PASSAPORTO

          ORDINARIO:

 

         Non è più dovuta la tassa per il rilascio del passaporto cosí come la tassa annuale.

         Dal 8 luglio 2014 viene introdotto un contributo amministrativo di Euro 73,50 per il rilascio del passaporto ordinario (incluso il rilascio a favore di minori), oltre al costo del libretto (pari a Euro 42,50).

          Il cittadino sarà tenuto a corrispondere il pagamento del nuovo contributo amministrativo unicamente al momento del rilascio e per l’intera durata di validità del passaporto.


 

 





 








Foto dell'Ambasciatore Antonella CAVALLARI
L'Ambasciatore
Antonella CAVALLARI
   Curriculum
   Messaggio

 Trasparenza e merito


Anno Italia America Latina



Dove siamo nel mondo Viaggiare Sicuri
AdnKronos - Ministero degli Affari Esteri

Ministero degli Esteri
Governo Italiano
Unione Europea

Newsletter